lunedì 15 ottobre 2018

LA PROPOSTA DISTRIBUTISTA



Cari soci,amici e simpatizzanti del Movimento Distributista Italiano,
penso sia chiaro a tutti la gravità della situazione economico-sociale e politica in cui si trova il nostro paese.
La crisi si protrae ormai da 11 anni e moltissime e disparate sono le analisi che sono state fatte, a vari livelli,  circa le sue cause e le sue conseguenze.
Dal punto di vista distributista, questa crisi rappresenta l'esito finale di un ideologia fallace ed incongrua: il capitalismo.
L'essenza del capitalismo può essere individuata in un assunto di fondo: è bene che capitale e lavoro siano separati. Da questa matrice di pensiero, ha avuto origine il denaro-debito, un tipo di denaro cioè, unico nella storia, in grado di moltiplicarsi da solo. Il denaro-debito rappresenta infatti un denaro che si svincola da qualsiasi riferimento ad una riserva aurea (15 agosto 1975) per diventare “fiat money”, puro elemento virtuale in grado di auto-prodursi con una digitazione di computer od un tratto di penna (assegno), grazie al meccanismo convenzionale della riserva frazionaria. Si chiama però denaro-debito perchè il sistema bancario ne ha assunto il controllo assoluto e lo emette a costo praticamente zero, solo ed esclusivamente come debito di Stati e cittadini. Da cui l'indebitamento endemico e generalizzato che tutti noi possiamo osservare.
La separazione tra capitale e lavoro si è poi manifestata per quello che è: uno strumento del capitale per trarre vantaggio dal lavoro, creando una massiccia sperequazione nella distribuzione delle risorse e delle ricchezze. Perchè oggi un infermiere, che svolge un ruolo pieno di sacrifici e molto utile alla collettività, riceve uno stipendio che può essere anche di 1000 volte inferiore a quello di un banchiere, di un proprietario di industria o di un possessore di titoli finanziari? La differenza di reddito, di per sè giusta, può essere giustificabile in queste proporzioni? Se ci guardiamo un po' intorno dobbiamo prendere atto che questo fenomeno sta avvenendo a livello planetario: l'1% della popolazione mondiale oggi possiede più ricchezza del rimanente 99%.
Oltre ad essere un dato moralmente riprovevole, questa situazione è anche economicamente insostenibile: solo una ripartizione equilibrata delle risorse consente la stabilità e la prosperità dell'economia, una situazione cioè in cui ci sarà sempre chi può comprare e chi può vendere, e quindi un costante alto numero di scambi commerciali e di servizi.

Il Movimento Distributista Italiano sostiene quindi con convinzione che questa crisi non è una fase transitoria di un sistema di per sé insostituibile chiamato capitalismo ma è la dimostrazione nei fatti della insostenibilità ed estrema incongruenza del capitalismo stesso, che è sopravvissuto nello stato agonico in cui si trova oggi solo grazie all'intervento della mano pubblica, che negli Stati Uniti ed in Inghilterra, Stati capitalistici per definizione,  ha evitato qualche anno fa il collasso definitivo.
Ci troviamo quindi nella fase terminale dell'esperienza capitalista. Oggi il potere reale non è più nelle mani del potere politico istituzionale bensì in quelle del sistema finanziario nazionale ed internazionale – le banche -, che, attraverso il monopolio assoluto della gestione degli strumenti monetari, di fatto decidono le sorti di intere nazioni facendo leva su fattori prettamente finanziari. Non è un caso che nel momento in cui scriviamo la sorte delle nazioni europee sembra decisamente più dipendere dalle decisioni arbitrarie ed assolutamente insindacabili di un banchiere, governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ex consulente della banca d'affari internazionale Goldman Sachs, piuttosto che dei politici  democraticamente eletti durante le recenti elezioni europee.
Che fare dunque?
La strada che il Movimento Distributista Italiano propone è molto semplice:

    ⁃    mettere fine allo strapotere del mondo finanziario sull'economia reale e sulla politica, restituendo allo Stato ed ai cittadini la proprietà del denaro al momento dell'emissione. In questo modo la moneta tornerà ad essere uno strumento al servizio dell'economia e del bene comune, ristabilendo un ordine naturale che il denaro-debito bancario ha progressivamente sovvertito a partire dal XVII sec.. Gli organismi politici, democraticamente eletti solo allora si potranno riappropriare dell'autorità e del potere di sviluppare un politica economica in grado di arrecare benessere  e prosperità alla comunità dei popoli.
    ⁃    implementare il più possibile, nel rispetto della reale libertà di mercato e dello spirito di iniziativa individuale, la riunione tra capitale e lavoro, in modo che chi lavora sia messo nelle condizioni, dove possibile, di diventare proprietario dei mezzi di produzione. In questo modo la proprietà privata, pilastro del benessere dei cittadini, sarà distribuita naturalmente in maniera più equa, favorendo prosperità e stabilità economica ed il lavoro tornerà ad essere uno strumento al servizio dello sviluppo umano.
    ⁃    Implementare il più possibile il potere decisionale delle singole categorie lavorative rispetto alle questioni economico-sociali più importanti che le riguardano (tassazione, sistema previdenziale-pensionistico, formazione), incrementando la partecipazione diretta della persone alle scelte fondamentali della loro vita socio-lavorativa (creazione di comparti lavorativi secondo il principio corporativo applicato dal basso).
    ⁃    Implementare l'autonomia economico-finanziaria della famiglia, attraverso per esempio un reddito di cittadinanza ed un reddito per il lavoro delle casalinghe.

Abolizione del denaro-debito bancario ed introduzione della proprietà popolare della moneta, legislazione distributista che favorisca l'unione tra capitale e lavoro e la creazione di comparti socio-lavorativi di settore che decidano tutte le questioni più importanti della sfera socio-lavorativa, incremento dell'autonomia economica delle famiglie:
sono queste le quattro direttive verso cui si indirizza la proposta distributista, proposte basate sulla ragionevolezza ed il senso comune e come tali prive di qualsiasi connotazione ideologica.

Utopico, potrebbe dire qualcuno? Esattamente l'opposto, diciamo noi. Etimologicamente “utopia” vuol dire  “non luogo”. Come già diceva J.K.Chesterton nel 1917, l'”utopia”, cioè il “non luogo”,  è quella dei banchieri usurai, che sono riusciti, con strumenti convenzionali privi di logica e di senso comune,  a creare un mondo artificiale staccato dalla realtà, in cui l'ordine naturale delle cose si ' rovesciato e l'uomo si è ritrovato asservito dell'economia,  l'economia asservita al denaro.
 E' proprio il ritorno al reale ed alla ragionevolezza invece che ci può aiutare a superare questa follia sociale ed economica chiamata capitalismo, una follia che ci rende schiavi e da cui ci dobbiamo liberare.

Per ulteriori informazioni:
distributismomovimento.blogspot.com
movimentodistributista@gmail.com